Guide e video utili

In questa sezione presentiamo dei contenuti multimediali utili per una prima comprensione del vasto ecosistema Bitcoin.

Ogni video è corredato da un piccola descrizione a cura degli esperti dell’Associazione.

Cos’è il bitcoin (1.37 minuti, Eng sub Ita).

In questo primo video viene presentato l’utilizzo principale che è possibile operare con i bitcoin. In meno di due minuti vengano spiegati, in maniera intuitiva e semplice, i principali vantaggi e le innovazioni prodotte da questa nuova tecnologia.

Come funziona bitcoin nel dettaglio (22 minuti, Eng sub Ita)

In questo video si analizza in maniera più dettagliata ma mai troppo tecnica come bitcoin funziona “under the hood”. Prendiamo confidenza con il concetto di transazione e le sue qualità, come il sistema si protegge da attacchi fraudolenti, come è possibile trasferire direttamente ad un utente una certa somma di bitcoin.

Che cos’è un exchange (11 minuti, Ita)

L’exchange, a differenza di un marketplace che è un luogo di incontro tra acquirenti e venditori, offre servizi diretti di vendita ed acquisto di bitcoin ed altre criptovalute. Generalmente offre anche servizi di escrow (acconto di garanzia) a maggior tutela dell’acquirente. Video a cura della Bitcoin Foundation Italia

La miniera del bitcoin (9 minuti, Eng sub Ita)

In Cina l’attività di estrazione di bitcoin, detta mining, è oggetto di interesse da parte di imprenditori e investitori privati. Il contesto energetico e di rifornimento hardware rende del resto conveniente svolgere questa attività in questa zona di mondo. In questo video reportage viene mostrata la vita all’interno di una miniera di bitcoin.

Che cosa è il mining (2 minuti)

Il mining è quel processo informatico che consente di aggiungere record di transazioni nel registro pubblico ed informatico che regola i rapporti e le proprietà del bitcoin. Questo registro delle transazioni passate è formato da singoli blocchi, che nel loro complesso formano la blockchain.
La blockchain viene utilizzata per confermare le transazioni all’interno del network distribuito e decentralizzato, fornendo una precisa marcatura temporale che afferma che una data transazione è avvenuta in quel preciso momento tra due indirizzi. Questo fornisce una protezione all’utente, in quanto i nodi che rappresentano la blockchain in questo modo sono in grado di distinguere le transazioni legittime da quelle truffaldine.

Il mining è stato intenzionalmente progettato per essere matematicamente difficile, e richiede molte risorse informatiche per essere portato a compimento, questo allo scopo di sopperire all’avanzamento hardware dei computer e mantenere costanti i blocchi prodotti ogni singolo giorno. I blocchi individuali devono contenere al loro interno una «proof-of-work» (letteralmente: prova del lavoro fatto) per essere considerati validi. Questa prova viene verificata dagli altri nodi ogni volta che ricevono un nuovo blocco. Caratteristica di questa proof è l’asimmetria: il lavoro deve essere moderatamente complesso dal lato richiedente ma facile da controllare per il fornitore del servizio. In questi casi si usa un intermediario informatico, che è in grado di dimostrare di avere la proof senza tuttavia rivelarla.

Lo scopo principale del mining è quello di permettere ai vari nodi Bitcoin di raggiungere un consensum sicuro, a prova di manomissione, circa l’ordine delle transazioni. Il mining è anche il meccanismo utilizzato per produrre nuovi bitcoin all’interno del sistema: la ricompensa per il lavoro computazionale svolto è rappresentata non solo dalle fee (volontarie) che gli utenti vogliono incorporare nella loro transazione, ma anche dalla ricompensa in bitcoin riconosciuta dal protocollo a colui che riesce a risolvere un singolo blocco.
Volete simulare un’operazione di mining e calcolarne la profittabilità? qui un simulatore

I commenti sono chiusi